50/52 - Transylvania

4 comments
Questo pomeriggio, mentre ero fuori che stendevo (ah, i pazzi sabati pomeriggio quando il fidanzato lavora, spesa-lavatrice-pulizie) mi è caduto l'occhio sulla collina di fronte. Non che non l'avessi mai notata, ma oggi quella casa mezza diroccata mi è sembrata più bella del solito.
Tutti quegli alberi li dietro poi la fanno sembrare molto "inquietante". Mi piace un sacco, questa settimana sono proprio soddisfatta.
Le foto che non mi sono piaciute di queste 52 Week Project sono davvero pochissime, forse due o tre al massimo. Per l'ultima foto vorrei concludere come ho cominciato questo 52 WP: con un self portrait, ma uno bello eh. Peccato che al momento idee zero, così come idee zero su cosa fare il prossimo anno perché non vorrei lasciare la mia povera macchina fotografica a fare le ragnatele ma il mio mondo al momento ruota intorno ad una sola cosa: Pole Dance. Potrei fare un 52 WP dedicato solo a quello ora che ho anche il palo a casa, ma sarebbe davvero monotematico e poi non ci arrivo nemmeno a 52 mosse per ora... Dubbi cocenti...


49/52 - Il mare

8 comments
Mi capita spesso di pensare a come facciano le persone che non vivono al mare a farlo, vivere lontano dal mare, intendo.
Sebbene io non sia una di quelle persone che in estate passa ogni minuto in spiaggia (tra lavoro e il mio non gradire particolarmente il mare d'estate, se non in rari casi) penso sempre che vivere lontana dal mare sarebbe la mia rovina. Mi piace vederlo dalla finestra del mio ufficio, dalla finestra di casa mia, dalla strada mentre guido. Se non vedo il mare mi viene l'ansia, non potrei mai pensare di vivere in un posto da cui vedo solo colline, montagne o peggio ancora solo case.
Gente davvero, come fate a stare senza? Sarà che io ci sono nata e ci vivo da sempre così, ma un mondo senza nemmeno un lago o un fiume vicino a casa non lo concepisco.

48/52 - Ventitreesimo compleanno

12 comments
Alla fine è arrivato anche il mio di compleanno. Dopo quello di Vale e di Ale, sabato è toccato a me. Non che me ne lamenti, quest'anno si sono tutti superati, sia per ciò che riguarda i regali (Ale, mia sorella e i miei soprattutto) sia per avermi fatto credere  che nessuno sarebbe venuto a mangiare con me il sabato sera ma che avremmo fatto il giorno dopo. E invece erano tutti li al ristorante giapponese che mi aspettavano. E io che entrando e vedendoli seduti ho detto "quanto siete stronzi". Era il mio modo per ringraziare tutti, ovviamente.
Ma tra tutti, colui che ha organizzato tutto e colui che mi ha fatto il regalo più desiderato: Ale mi ha regalato il palo per allenarmi a casa. Come qualcuno sa, e in caso non lo sapesse da ora ne è a conoscenza anche lui, da due mesi ho cominciato a prendere lezioni di Pole Dance. Quindi, dopo due mesi (no, non è vero, dopo la prima mezz'ora di lezione) ho bramato con tutte le mie forze un palo da mettere in casa per poter provare fino alla nausea trick e spin vari. Ed ora ho finalmente il mio palo, in salotto vicino ai divani. Ovviamente il sabato e la domenica pomeriggio li ho passati sul palo, non c'è bisogno che ve lo dica.
Ora attendo impaziente l'arrivo del Natale. Ma non per altri regali, ma per i quattro giorni di mini-ponte, che indovinate come passerò?


... Che si vede che non ho avuto tempo di farla la foto di sta settimana? Noooooo...

47/52 - Vermillion

9 comments
Mia suocera mi compra i vestiti, regali di compleanno, che io scarto ben due settimane prima di quando dovrei. Però è stata anche colpa sua, insisteva che voleva vedermi con il vestito nuovo, e chi sono io per oppormi all'apertura anticipata del regalo di compleanno? 
Dunque dicevo, mia suocera mi compra i vestiti e li sceglie pure fighi fighi, in foto non si vede ma c'è anche del tulle nero sotto lo gonna rossa, così che io possa ricominciare a farmi i miei amati selfportrait. Avril Lavigne de noartri in sta foto.
Che poi ieri, io, Alexa e Simone perculavamo Ale riguardo a questa immagine dicendogli che aveva un ego talmente grande da essere grande quanto Giove, come appunto nell'immagine... Peccato che anche io, in quanto ad ego a questo punto potrei essere Europa, il satellite di Giove. Non mi manca nulla, e poi si dice che "chi si somiglia si piglia"...

46/52 - Sunday Funday

9 comments
Oggi Ale ha dato il meglio di sé.
Questa mattina mi ha messo fretta perché "dobbiamo andare presto oggi pomeriggio!", senza ovviamente dirmi per dove. Da ieri era decisamente evasivo... "Domani ti porto in un posto". 
Alla fine il posto misterioso era una mostra di fotografia a Mentone... Ammettiamo che è stato davvero bravo oggi. Un sacco di belle foto e un sacco di ispirazione, speriamo di riuscire a trarne qualcosa di utile per gli ultimi sei post di quest'anno. Tra l'altro se l'anno prossimo rifanno la mostra quasi quasi mi iscrivo anche io...
Dopo la mostra abbiamo tentato, e dico tentato perché siamo rimasti 15 minuti di orologio, di fare un giro al Luna Park di Montecarlo. Peccato che oggi fosse la chiusura e quindi era una specie di bolgia, con gente con passeggini ovunque che faceva tappo ogni due metri e impossibile camminare per il numero di persone. Sembrava che tutta la riviera Ligure di Ponente fosse confluita li, ovunque mi girassi vedevo gente familiare e compagni di classe.
Siamo scappati alla volta del ristorante giapponese per spaccarci di sushi, direi che lo scambio è stato più che vantaggioso. Mai più il Luna Park il giorno di chiusura, mai più. Mentre si ad Ale che fa cose carine per me <3.




45/52 - Il compleanno

13 comments
Sabato è stato il compleanno di Ale, auguri! Ventinove anni... Me lo sono scelto proprio vecchio. 
Da brava fidanzata (e impaziente) ho aspettato che si svegliasse per fargli trovare tutti i regali sul letto. Praticamente con tutto quello che gli ho regalato l'ho vestito da testa a piedi. Si lamentava di non avere nulla da mettere e io sono passata all'azione...
La sera, gli "amici bastardi" hanno organizzato una mini sorpresa con tanto di torta, ma non senza prima fargliela "pesare": nessun accenno ad auguri o compleanni se non dopo almeno due ore passate insieme quando si è ritrovato la torta sul tavolo. L'ha guardata un po' strana sulle prime, come se non fosse per lui, non credo che se lo aspettasse. Meglio così.


 

Due bottiglie di una lunga serie

44/52 - La Luna

8 comments
Sono una paracula. Lo so, lo so. Ultimamente sono talmente tanto scaglionata che il solo pensiero di fare qualcosa che non sia dormire o andare in palestra mi opprime e mi distrugge. Questo per dirvi che no, non siete voi che non trovate il Listography di questa settimana, sono io che mi sono stracciata i maroni e quindi ho fatto finta di niente saltandolo. Credo che toccherà la stessa inevitabile sorte a tutti gli altri. Magari li finirò a fine anno tutti insieme, in fondo ne mancano solo otto. Per ora non ne ho voglia, mi pesa il culo.
Come mi pesava il culo fare la foto per questa settimana perché non volevo assolutamente usare questa della luna, dallo schermo della macchina fotografica non sembrava proprio il massimo. Poi l'ho aperta sul pc e... Meno male che ho avuto il culo pesante perché mi piace un sacco.
Spero che le ultime otto foto di questo progetto si salvino, ultimamente fantasia zero tanto che ho anche pensato che probabilmente il prossimo anno non farò il 52WP in bianco e nero ma una cosa nuova: "posto come e quanto mi pare". Che tradotto in culopesantese diventa "il blog morirà".
Inviatemi le vostre energie oppure inviatemi soldini per una giornata alle terme che magari mi rilasso e riprendo fiducia nell'umanità.

43/52 - (Not a) Family portait

17 comments
In principio, l'idea era quella di costringere Ale e Titta (che sono i più restii quando si parla di queste cose) a sedersi sul divano con me e Titto per fare una foto tutti e quattro insieme.
Così io chiudo i gatti in casa (Titta ha un piccolo buco nel muro per entrare e uscire come vuole), monto il cavalletto, preparo la macchina fotografica, mi vesto.
Al momento di fare la foto, i gatti cominciano ad uccidersi e distruggere casa, Ale va a parlare al telefono sul terrazzo e il simpatico quadretto va a farsi friggere. 
Maledetti. Complottate tutti e tre contro di me. Tutti.




P.S. State seguendo i miei progressi su The Pole Dance Diaries? Vi dico solo una cosa: ho appena finito di misurare la stanza che Ale usava come studio ed un eventuale palo, come regalo di Natale o meglio ancora compleanno (mancano su per giù solo 40 giorni al mio ventitreesimo compleanno), ci sta PERFETTAMENTE. Riuscirei a girare senza toccare i bordi della stanza. Suggerirei una colletta tra parenti, così, pour parler. Il palo da 45 mm cromato argento, grazie.

Listography: The things you wish you had a second chance to do

3 comments
The Life In A Year
Ovvero le cose per cui avresti voluto avere una seconda chance
• scegliere l'università: a volte mi pento di non esserci andata ma soprattutto mi pento di non aver avuto il coraggio di andare a Venezia alla Ca' Foscari per studiare giapponese, un'altra lingua qualsiasi tra russo, svedese, tedesco... Volevo fare l'ambasciatrice.
Per il mo,enti non mi viene in mente altro, insomma sono gggggiovane ed è meglio avere meno rimpianti possibili considerando che ho solo ventitré anni no?

42/52 - Meno dieci (post)

8 comments
Ragazzi ma qua... mancano solo dieci foto, DIECI, 10, uno-zero alla fine...! Quasi quasi  mi prende o sconforto... Quasi dico, perché da una parte non vedo l'ora di finirlo. Giusto per dire appunto "finitoooo!" e togliermi sta soddisfazione. Dall'altra invece sto già pensando cosa fare per il 2015, dato che tutti sapete che sono pigra e quindi avrò bisogno di un progetto che mi "obblighi" a fare foto con costanza altrimenti sono un asso a trovare scuse per rimandare le cose.

Faccetta malefica post-battesimo

Sbirulino che corre 

Listography: memorable birthdays or holidays

1 comment
The Life In A Year
Ovvero, compleanni o vacanze memorabili
• Compleanno dei 18: beh i 18 anni sono un gran traguardo e poi mi hanno regalato la reflex quindi più memorabile di così!
• Vacanza in Scozia: la Scozia è già un posto meraviglioso per i fatti suoi, se poi ci aggiungete che era anche la prima vacanza con Ale...
Non mi viene in mente altre e quindi accamperò la scusa: dobbiamo fare ancora taaaanti viaggi da aggiungere alla lista.

41/52 - La dura vita della fidanzata del musicista

7 comments
Gli ultimi due post del blog (X e X) mi avevano vista completamente senza idee, e probabilmente dalla miseria di foto si nota. Questa settimana ci ha pensato Ale a salvarmi. Così, con la scusa del "devo fare le foto a lui che suona" mi sono salvata senza dover pensare troppo e farmi venire crisi depressive sul "nooooo non so che foto fare questa settimana aiutoooo". Tra l'altro, 41 su 52 vuol dire che mancano solo 11 foto alla fine. Sto per avere quel senso di incertezza che avete quando finite un libro bello e non sapete cosa fare dopo.


















Guardate questa e ditemelo, ditemelo che sono brava. Una delle mie preferite.